Come Preparare Un Buon Caffè Con La Moka

caffè con la mocaCapita spesso che ci chiedano qual è il modo migliore per fare un buon caffè con la moka di casa, abbiamo quindi pensato di lasciarvi qualche indicazione da poter consultare quando volete:

• Scegliete sempre caffè di qualità sulla base dei gusti personali e del momento della giornata: ad esempio la mattina sarebbe più adatto un caffè con una maggiore quantità di Robusta, la pianta di coffea che contiene più quantità di caffeina e dal sapore più intenso. Per il dopo pranzo ed il pomeriggio invece i caffè 100% arabica sono più “morbidi” ed “eleganti” e possono essere una scelta più adeguata.
• Utilizzate acqua con un basso contenuto di minerali e se possibile evitate quella di rubinetto, che in genere ha un alto contenuto di cloro (e quindi è già cattiva di suo), in quanto altererebbero il sapore del caffè.
Controllate sempre la guarnizione della moka, è il punto più delicato della macchina e spesso una guarnizione troppo nuova o troppo vecchia compromettono il sapore del caffè. Ebbene sì, non ci crederete ma quando dal bordo esce acqua e siete sicuri di averla stretta…. Beh quello è il momento di cambiare la guarnizione, solo quella!! Non c’è bisogno di buttare l’intera moka!!
• La quantità di acqua: va riempita la caldaia fino alla valvola con lo stesso quantitativo di acqua, quindi se si utilizza una macchina da tre tazze ma si vuole fare una sola tazza di caffè comunque bisognerà riempire di acqua come se si facessero tre caffè. Al massimo sarete più reattivi… ma attenzione alle persona con cui reagite, il vostro superiore al lavoro potrebbe non gradire…
La polvere di caffè deve avere la macinatura giusta, quella adatta per la moka è più “grossa” rispetto a quella per la macchina espresso, per cui assicuratevi sempre di comprare quella corretta.
• Quanta polvere? La polvere deve arrivare a bordo filtro senza essere pressata con oggetti di vario tipo (cucchiaini, mestoli, batticarne ecc..) e senza fare quelle montagne tipo Himalaya. Si può dare eventualmente qualche colpo alla macchina per eliminare l’aria in eccesso. L’acqua deve attraversare la polvere in modo uniforme per cui anche fare dei fori con bastoncini tipo torta salata non è necessario e tanto meno utile.
• Dopo aver chiuso bene la macchina (in modo che un essere umano nella media sia in grado di riaprirla, insomma non saldatela!) la si può mettere sul fuoco con una fiamma moderata e costante (evitate le tecniche prima fuoco basso poi alto poi ancora basso.. non servono se non a logorare la manopola del gas!).
• Il coperchio può rimanere aperto, ma non è obbligatorio e non si danneggia il caffè. Di sicuro può essere utile per vedere quanto accade, infatti, una buona regola è quella di togliere la macchina dal fuoco non appena questa comincia a “gorgogliare” con forza. La parte più aromatica del caffè si sprigiona infatti intorno ai 60 gradi, quanto fuoriesce subito dopo è la componente più bruciata e meno aromatica che altera il nostro caffè. Insomma è meglio rinunciare ad una parte del nostro caffè in cambio di una migliore qualità. 

Ora non ti resta che provare i nostri caffè che trovi nello shop oppure consultare la nostra guida all’acquisto del caffè!

Buon caffè a tutti!